Grande successo per l’inaugurazione della mostra di Giuseppe Orsenigo

Questo pomeriggio si è svolta l’inaugurazione della mostra delle opere di Giuseppe Orsenigo presso il ristorante La Rimessa.

E’ stato un grande successo!

Grazie a tutte le persone che hanno partecipato, ad Artelario per l’ottima organizzazione e un grazie di cuore a Giuseppe Orsenigo che ci offre la possibilità di esporre le sue opere nella sala del nostro ristorante.

———————————————————————————————————-

 

20170311_230947

Giuseppe Orsenigo: la sua attività artistica risale ai primi anni Sessanta. Esperto conoscitore delle tecniche della lavorazione del legno, svolge da oltre quarant’anni la professione di designer dirigendo un laboratorio artigiano. 

Giuseppe Orsenigo è il prototipo dell’artista post-moderno. In lui c’è  un impulso irrefrenabile ad una sintesi estrema di elementi lontani tra loro, apparentemente incongruenti, discordanti. La contaminazione per l’artista canturino è una seconda natura, un habitus mentale che è diventato una seconda pelle. Egli usa  di tutto per le sue composizioni: fotografia, disegno, pittura, disegno geometrico, materiali di ogni tipo come metallo, legno, resine, carte applicate. Spesso i suoi quadri sono veri e propri bassorilievi, con bombature metalliche, parti in rilievo, aggettanti. Gli elementi figurativi si mischiano a quelli informali, l’uso pop di fotografie tratte da riviste patinate si alterna a guizzi geniali di arte provocatoria e concettuale, in una ridda ubriacante di riferimenti, citazioni, allusioni, capaci di conciliare la dimensione onirica e delirante del mito con la quotidianità. Ogni opera di Orsenigo è  l’esplorazione di un mondo. Ogni volta  un nuovo mondo, in un gioco differente di razionalità e emozione, di sogni affastellati, scomposti e ricomposti e di concreti, puntuali riferimenti alla realtà. Con colpi di scena e alzate d’ingegno uniche e spiazzanti.

Da vedere assolutamente, oltre alle opere esposte all’interno del ristorante, nel giardino la “Torre di Babele”, una struttura verticale, con specchi ed un pertugio che apre a “sorprese”  interessantissime.